A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Z

Kelvin

Il Kelvin è un'unità di temperatura assoluta utilizzata in ambito scientifico.

Il Temperatura del colore di una sorgente luminosa, di un monitor o di un'immagine in Kelvin definiert, corrisponde alla temperatura di un oggetto assolutamente nero se dovesse brillare in questo bianco. Ecco una spiegazione più dettagliata:

Radiatore a corpo nero e legge di Planck sulla radiazione:

Un corpo nero è un oggetto ipotetico che emette radiazioni elettromagnetiche in funzione della sua temperatura. Max Planck ha sviluppato la legge di Planck sulla radiazione per descrivere le proprietà di radiazione di un radiatore di corpo nero. Questa legge afferma che la distribuzione spettrale della radiazione emessa dipende dalla temperatura del corpo nero. A temperature più elevate, il corpo nero emette più energia a lunghezze d'onda più corte (frequenze più alte), facendo apparire la luce bluastra. A temperature più basse, l'emissione è maggiore a lunghezze d'onda maggiori (frequenze più basse), facendo apparire la luce rossastra.

Applicazione a sorgenti luminose reali:

In pratica, le sorgenti luminose reali come le lampadine a incandescenza, le lampade fluorescenti, la luce del giorno, ecc. non possono essere considerate corpi neri perfetti. Tuttavia, con l'aiuto della legge di Planck sulla radiazione, possiamo definire una temperatura che descrive la tonalità di luce che questa sorgente avrebbe con una radiazione nera ideale. Questa temperatura definita si misura in Kelvin e si chiama "temperatura della luce".

Le temperature di colore nella pratica:

L'uso dell'unità Kelvin per misurare la temperatura della luce consente una descrizione standardizzata e oggettiva delle sorgenti luminose. Le sorgenti luminose con valori Kelvin più bassi (ad esempio, 2000 K - 3000 K) sono percepite come "calde" o rossastre, mentre le sorgenti luminose con valori Kelvin più alti (ad esempio, 5000 K - 6500 K) appaiono come "fredde" o bluastre.

Applicazioni:

L'uso dei Kelvin per descrivere la temperatura della luce è importante in molti campi. Nella fotografia e nella produzione video, la scelta della giusta temperatura della luce può influenzare l'umore e l'atmosfera di un'immagine. Nella tecnologia dell'illuminazione, l'uso dei valori Kelvin aiuta a selezionare le sorgenti luminose che creano la qualità del colore e l'atmosfera desiderata. In Gestione del colore la considerazione della temperatura della luce consente una resa cromatica esatta su schermi e stampanti diversi. La luce diurna è definita come 6.500 Kelvin, per la stampa in Europa con i D50 Luce standard una temperatura di colore di 5.000 Kelvin. I monitor per l'elaborazione delle immagini sono solitamente calibrati su 5.800 Kelvin, poiché questo valore un po' più "freddo" si è dimostrato più pratico per la corrispondenza dei colori rispetto ai 5.000 Kelvin puri e relativamente giallastri.

Nel complesso, l'uso del Kelvin per misurare la temperatura della luce fornisce un metodo pratico e standardizzato per descrivere e controllare il colore delle sorgenti luminose, che è di grande importanza in molte aree della percezione visiva e della tecnologia.

Per inciso, la parola "grado" non viene utilizzata in relazione al kelvin. Una temperatura di 5.000 Kelvin non viene definita "5.000 gradi Kelvin", ma solo 5.000 Kelvin o "5.000 K".

Correlato Einträge

Lascia un commento

Consenso ai cookie GDPR con banner di cookie reali